E’ arrivato il nuovo anno; come sarà? Alla mezzanotte del 31 si sono fatti brindisi, mangiato lenticchie e chicchi d’uva e, come spesso accade, tanti appassionati avranno già consultato l’oroscopo. In una società dove è ormai difficile trovare sicuri ancoraggi ci affidiamo spesso alla cabala ed alla fortuna; facendo scongiuri e toccando amuleti per garantirci salute e denaro. Il 6 gennaio poi, puntualmente, arriverà anche la lotteria per dispensare milioni ai più fortunati. E quindi, trovandomi a parlarvi come sempre di cose siciliane, ecco alcuni proverbi che hanno come argomento proprio i soldi. Fatene buon uso e auguri a tutti.

I sordi si fannu disiari e li fimmini ti fannu addannari.

Cu havi sordi assai sempri cunta, cu havi a muggheri bedda sempri canta.

Ci dissi lu priuri a la batissa senza sordi nun si canta missa.

Li sordi fannu veniri a vista a l’orbi.

Cu sordi ‘mpresta perdi l’amici e sulu arresta.

A liggi è uguali pi tutti ma cu havi sordi si nni futti.

Ddui sunnu li putenti, cu havi sordi assai e cu unn’havi nenti.

Muggheri e sordi nun li ‘mpristari ca li perdi.

Quannu ci su i sordi ‘ntà sacchetta è sempri Natali, Pasqua e Pasquetta.

Sordi, biddizzi e amuri su tri cosi ca nun si ponnu ammucciàri.

I sordi du zzicusu si li gori lu lagnusu.

Nun su li sordi ca ti fannu signuri, ma l’onestà e li bboni maneri.