Sarà capitato a tutti, almeno una volta, di chiedersi se quello della persona di fronte fosse o meno un falso sorriso: per rispondre a questa domanda, Richard Wiseman, psicologo dell'Università dell'Hertfordshire, ha ideato un test, che mette alla prova le doti empatiche di ciasciuno, partendo dalla capacità di giudicare i sorrisi degli altri.

In presenza di un fotografo, lo psicologo ha chiesto ad alcuni soggetti di immaginare di incontrare una persona sgradita e di sfoggiare il loro migliore finto sorriso. In seguito, gli stessi soggetti sono stati fotografati mentre sorridevano spontaneamente durante una conversazione con un amico. 

Di fatto, individurare un falso sorriso è difficile se non si è dotati di empatia: tra quelli che hanno partecipato allo studio, i più bravi a cogliere i falsi sorrisi sono stati gli scienziati sociali (80& delle risposte giuste), seguiti dai giornalisti (73%) e dai biologi.

Ma come si fa a riconoscere un falso sorriso?

Il falso sorriso è quello di destra: in un sorriso autentico si contraggono più muscoli facciali, lo si vede nelle rughe intorno agli occhi dell'uomo ritratto in foto. La faccia più rugosa è quella di sinistra.