ImmagineDal Cantico della Natività di S. Alfonso Maria De Liguori
 
[youtube width=”600″ height=”344″]https://www.youtube.com/watch?v=cW0h4UucGTI[/youtube]
 
Pina Cipriani – voce
Raimondo De Sandro – Chitarra
Antonio Parascandolo – Primo mandolino
Antonio Coletti – Secondo mandolino
 
Presepio in legno realizzato dal Gruppo Alpini di Maccagno e posizionato sul fiume Giona (Va) 
 
Foto di Gianni Maccario
 
[I] Quanno nascette Ninno, una Betlemme, 
era notte e pareva miezojuorno. 
Maje le stelle, 
lustro e belle, 
se vedètteno accussì. 
e 'una lucente cchiù, 
Jette un li chiammá Magge un ll'Uriente.
[I] Quando è nato il Bambino, a Betlemme, 
era notte e sembrava era mezzogiorno. 
Mai le stelle, 
chiare e belle, 
sono stati visti in quel modo. 
e più brillanti, 
è andato a chiamare i Magi in Oriente.
 
 
[II] De pressa se ​​scetajeno ll'aucielle 
cantanno de na forma Tutta nova: 
Pe 'NSI' 'agrille, 
co 'li strille, 
e zompanno 'un CCA e da LLA: 
– E nato! E nato! – 
– decévano – lo Dio Che nce ha Creato!-
[II] Presto gli uccelli svegliato 
cantando in una forma completamente nuova: 
Anche i grilli, 
con i loro suoni, 
e saltando qua e là: 
– È nato! È nato! – 
– dicevano – il Dio che ci ha creati! –
 
 
[III] Co 'tutto ch'era Vierno, Ninno bello, 
nascetteno un Migliara rosa e sciure. 
Pe 'NSI' 'o ffieno, 
Sicco e Tuosto, 
ca Fuje puosto sott'a te, 
se 'nfigliulette 
e de frunnelle e sciure se vestette.
[III] Anche se era inverno, caro Bambino, 
in migliaia di rose e fiori sbocciati. 
Anche il fieno, secco e duro, 
che è stato posto sotto di te, 
germoglia 
di giovani foglie e fiori era vestito.
 
 
[IV] A nessun Paese ca se chiamma Ngadde, 
sciurettero li vvigne e ascette ll'uva. 
Ninno mio 
sapuretiello, 
rappusciello d'uva si 'tu. 
ca tutt'ammore, 
faje doce 'un Vocca e po' 'mbriache' o core !
[IV] In un villaggio chiamato Engaddi, 
vigneti fioriti e uva è venuto fuori. 
O mio figlio, così di buon senso, 
un piccolo vitigno sei. 
con tutto l'amore, 
a fare la bocca dolce e cuore ubriaco!
 
 
[V] non c'erano nemice pe 'la terra: 
La pecura pasceva co '' o lione 
Co '' o capretto, 
se vedette 
'o liupardo pazzeá. 
Ll'urzo e 'o vetiello 
e, co 'lu lupo,' mpace 'o Pecoriello.
[V] Non c'erano nemici sulla terra: 
Le pecore al pascolo con il leone 
Con la capretta, 
videro la riproduzione di leopardo. 
L'orso e il vitello 
e, con il lupo, in pace l'agnello.
 
 
[VI] S'arrevotaje 'nsomma tutt' 'o Munno: 
lu cielo, 'una terra,' o mare e tutt '' i ggente. 
Chi dormeva, 
se senteva 
'mpiett' 'o Core pazzeá 
la prejezza pe '; 
E se sunnava pace e contentezza.
[VI] Tutto il mondo era a testa in giù: 
il cielo, la terra, il mare e tutte le persone. 
Coloro addormentato, sentì 
il cuore saltare in chect 
per la grande gioia; 
ed erano sognare di pace e felicità.
 
 
[VII] Guardavano li ppecori, 'i pascolo. 
E n'Angelo sbrannente cchiù d '' o sole, 
Comparette 
e lle dicette: 
"No ve spaventate, no 
! Contento e riso 
! La terra e arreventata Paradiso "
. [VII] Guardando le pecore, pastori 
e un angelo più luminoso del sole, 
apparve e disse loro: 
– Non abbiate paura, non 
c'è felicità e risate! 
la Terra è diventata Paradise! –
 
 
[VIII] A vuje E Ogge nato, un Bettelemme, 
da 'o Munno,' o aspettato Sarvatore 
Dint '' e panne 
'o trovarrite, 
non potite Maje Sgarra, 
arravogliato 
e Dint'a lo presebbio corcato.
[VIII] Per voi era nato oggi, a Betlemme, 
del mondo il Salvatore atteso 
Tra panni 
troverete lui, 
non si può sbagliare, 
avvolto, e dentro una mangiatoia di cui.
 
 
[IX] A meliune ll'Angiule calaro 
co 'chiste se mettetteno un cantare: 
"Gloria a Dio, 
pace 'nterra 
No cchiù guerra … è nato giá 
lo rre d'ammore 
Che dá prejezza e pace nucleo ad OGNI. "
[IX] In milioni gli Angeli è venuto giù 
con questo hanno cominciato a cantare, 
– Gloria a Dio, 
pace sulla terra 
non più guerra … è nato 
il re di amore 
che dona la gioia e la pace ad ogni cuore.
 
 
[X] Sbatteva 'o core' mpietto 
un 'sti Pascolo 
e ll'uno n '' nfaccia all'ato deceva: 
"? Ché tardammo 
priesto, Jammo 
ca mme Sento ascevolí 
lo Golio pe ' 
! ca tengo de Vede stu Ninno Dio "
[X] Cuore batteva in petto 
a questi pastori 
e tra di loro dicevano: 
-? Perché siamo in ritardo 
veloce, andiamo 
che mi sento io sono pazzo 
per la grande voglia 
che ho di vedere questo Dio ai bambini!
 
 
[XI] Zompanno comm'a ciérve ferute, 
correttero i pascoli a la capanna 
lla trovajeno una Maria
[XI] Saltando come cervo ferito, 
i pastori corse al rifugio 
ci trovarono Maria
 
 
co 'Giuseppe e' un Gioja mia 
e 'n chillo Viso 
provajeno muorzo nu 'i Paraviso.
con Giuseppe e la mia gioia 
e in quel volto 
hanno assaggiato un po 'di cielo.
 
 
[XII] Restajeno 'ncantate un voccapierte 
pe 'tanto tiempo senza di' Parola 
jettanno Po ', 
lacremanno, 
no pe Sospiro 'sfoga 
da dint '' o core, 
cacciajeno, un Migliara, atte d'ammore.
[XII] Sono rimasto incantato con la bocca aperta 
per lungo tempo, senza dire una parola 
Poi hanno dato fuori, 
piangendo, un sospiro di far uscire 
da dentro il loro cuore, 
hanno mostrato, in migliaia, atti di amore.
 
 
[XIII] Co 'una scusa de donare li presiente 
se jetteno azzeccanno chiano chiano 
Ninno, non 
li rifiutaje 
ll'azzettaje, comm'a di ', 
ca lle mettette 
li mano 'ncapa e le benedicette.
[XIII] Con la scusa di fare regali 
andarono vicini a poco a poco 
il bambino non ha 
non li respinge 
li accettò, come a dire, 
poi ha messo 
le mani sulla testa e li benedisse.
 
 
[XIV] Piglianno confedenzia A poco a poco, 
cercajeno Licenza a la mamma. 
Se mangiajeno 
li pedille 
vasille coi, 'mprimma e po' 
chelle mmanelle 
ea ll'urdemo, lu Musso e 'i mascarielle.
[XIV] Hanno preso più fiducia a poco a poco, 
il permesso chiedere dalla mamma. 
Hanno mangiato i piccoli piedi 
con i loro baci, e poi 
quelle piccole mani 
e, infine, il volto e le guance
 
 
[XV] Po '' nsieme se mettetteno un sonare 
ea Canta co 'll'Angiule e Maria 
co 'na voce, 
accossí doce, 
ca Gesù facette: Aaaah – ha, 
e po 'chiudette 
chill'uocchie aggraziate e s'addurmette.
[XV] Poi insieme hanno cominciato a suonare 
e cantare con gli Angeli e con Maria 
, con una voce, così dolci, 
che Gesù ha detto: Aaaah – ha (sbadigliò), 
e poi Chiuse 
quei begli occhi e si addormentò.
 
 
[XVI] La nonna Che cantajeno un me mme sbucciare 
ch'avett '' un èsse 'chella ca mo' dico: 
Ma 'nfrattanto 
io la canto, 
'mmaggenateve de Sta 
co li pascolo 
Vicino A Ninno bello vuje puro.
[XVI] La canzone hanno giocato a mio 
deve essere stato lo stesso che sto cantando ora: 
Ma mentre sto cantando, 
immaginare di essere 
con i Pastori 
vicino Darling Child anche voi.
 
 

[La Ninna Nanna PUÒ Essere Inserita una this punto]

 

 

 

 



[La ninnananna a volte è inserita in questo punto]

 

 

 

 


 
 
[XVII] Cantanno po 'e sonanno, li Pascolo, 
tornajeno un le mantre N'ata vota: 
Ma che vuo 
Che cchiù arrecietto 
non trovajeno 'int'a lo Pietto 
un 'o caro Bene, 
facevano ogne poco 'o va' e biene
[XVII] Canto poi e giocare, i pastori, 
sono tornati alle pecore di nuovo: 
ma si sa 
non trovarono più di riposo 
nel loro cuore 
e per il caro bambino, 
che ogni tanto andavano e venivano
 
 
[XVIII] Lo 'nfierno Solamente e' e peccature 
'ncocciuse comm'a isso e ostinate 
se mettettero 
appaura, 
pecche un 'scuro Vonno STA o 
li spurtagliune, 
fujenno suola da lu, li briccune.
[XVIII] Solo l'inferno ei peccatori 
ostinati come e ostinata 
erano spaventati, 
perché nel buio vuole stare 
i pipistrelli, 
volare via dal sole, i mascalzoni.
 
 
[XIX] Io puro Songo niro peccatore 
ma non Boglio èsse 'Cuoccio e ostinato 
Io non Boglio 
cchiù peccare. 
voglio amare, voglio Sta 
co 'Ninno bello 
comme nce sta lo Voje e ll'aseniello.
[XIX] Anche a me, io sono un peccatore nero 
ma non voglio essere testardo e ostinato 
io non voglio peccare più. 
Voglio amare, voglio essere 
con il beniamino Bambino 
come l'asino e bue è con lui.
 
 
[XX] Nennillo mio Tu si 'unica d'ammore!
Faje luce e scarfe pura 'o peccatore. 
Quanno E Tutto 
niro e brutto 
comm'a pece, tanno cchiù 
lo tiene mente 
e 'o faje addeventá bello e sbrennente.
[XX] O mio piccolo bambino sei un sole amore! 
Fate luce e riscaldare il peccatore troppo. 
Quando tutto è nero e brutto 
come la pece, tanto più 
Lo guardi 
e farlo diventare bello e splendente.
 
 
[XXI] Ma tu mme diciarraje ca chiagniste 
acciò chiagnesse pura 'o peccatore! 
Aggio Tuorto! 
Ahje! Fosse muorto 
n'ora PRIMMA de Pecca! 
Tu mm'haje amato 
e io, pe 'paga, t'aggio maltrattato.
[XXI] Ma tu mi dirai che hai pianto 
in modo che anche il peccatore avrebbe pianto! 
io sono sbagliato! Ahimè! Vorrei morto 
un'ora prima ho peccato! 
Mi hai amato 
e che in ricompensa maltrattato.
 
 
[XXII] E vuje Uocchie mieje, Doje fontane 
avit ''. una Fa, de lacreme, chiagnenno 
pe 'lavare, 
pe 'scarfare, 
li pedille de Giesù 
Chisa, placato, 
Decesse: "Via, ca t'aggio perdonato!"
[XXII] E voi, o miei occhi, due fontane 
deve fare, di lacrime, di pianto. 
, in modo da lavare, in modo da riscaldare, 
i piccoli piedi di Gesù 
, che sa, placato, 
diranno: "Vieni, che hanno perdonato! "
 
 
[XXIII] Viato una mi si aggio 'sta fortuna! 
Che maje potesse cchiù desiderare? 
O Maria, 
mia speranza 
mentr'io chiagno, prega tu; 
Penza ca pure 
si 'Fatta mamma de li peccature.
[XXIII] Io sarà benedetta se ho questa fortuna! 
Cosa posso desiderare di più? 
O Maria, la mia speranza 
mentre piango, ti preghiamo di pregare, 
pensare che anche tu eri 
fatto la madre dei peccatori.
 
 

[Ninna Nanna] Vienne suonno da lo Cielo

 

 

 

 

Vienne suonno da lo Cielo, 
Vienne e adduorme 'sso Nennillo, 
pietà Pe, ca E Peccerillo, 
Vienne suonno e non tarda '.

 

 

 

 


[LULLABY] Sonno viene dal cielo

 

 

 

 

Il sonno viene dal cielo, 
viene e rende il sonno del bambino, 
prega, egli è un bambino piccolo, 
vieni, il sonno, non essere in ritardo.

 

 

 

 

 
 
'Sto nucleo, Gioia bella de 
Vorria suonno arreventare, 
Doce, doce pe 'te tariffa 
'Ss'uocchíe bell'addormenta'.
gioia multa di questo cuore, 
vorrei bruciare il sonno, 
dolce, dolce per fare 
queste belle occhi il sonno.
 
 
Ma si Tu p'esser'amato 
Te sí Fatto Bammeníello, 
Sulo ammore e o sonnaríello 
Che Dormire te pò fa '.
Ma se ad essere amato 
sei diventato un bambino 
solo l'amore è il sonno 
che può farti riposare.
 
 
Ment'è merinoalarconca PUÒ fa nonna, 
Pe Te st'arma E Arza e bona. 
T'amo, T'a '… Uh sta canzona 
Già t'ha Fatto addobea '!
mentre questo può fare la nonna, 
per te quest'anima sta bruciando. 
Ti amo l … Uh questa canzone 
già fatto dormi!
 
 
T'amo Dio – Bello mio, 
T'amo Gioja, t'amo, T'a '…
Ti amo Dio, mia bella 
ti amo, gioia, ti amo io l …