La Valle dei Templi di Agrigento conferma di essere uno dei siti più amati della Sicilia. In occasione del fine settimana di Pasqua e della giornata di Pasquetta, in tre giorni si sono registrati quasi 10mila visitatori. Il record proprio nel lunedì dell’Angelo, con 3.571 ingressi.

Record di visitatori nella Valle dei Templi

Il Parco Archeologico ha accolto, nella giornata dello scorso sabato, oltre 3.200 visitatori, mentre per Pasqua si sono sfiorate le 3mila presenze. Il cielo grigio non ha scoraggiato quanti sono arrivati per visitare il sito, Patrimonio dell’Umanità Unesco, e anche i musei limitrofi.

Su iniziativa della Regione Siciliana, infatti, i luoghi della cultura sono rimasti aperti in Sicilia per Pasqua e Pasquetta. «Il ritorno nei nostri luoghi della cultura, a partire dalla Valle dei Templi – dichiara Alberto Samonà, assessore regionale ai Beni Culturali e Identità Siciliana – è il segnale che c’è grande voglia di esserci, di riscoprire i nostri parchi, i nostri monumenti, i nostri musei e le nostre aree archeologiche».

«Ci aspettiamo anche in vista anche dell’imminente stagione estiva, un importante numero di visitatori e di turisti. Il governo regionale ha fatto bene – conclude Samonà – a tenere aperti i parchi archeologici della Regione anche in questi giorni di festività Pasquali».

Il direttore del Parco Archeologico Valle dei Templi, Roberto Sciarratta, commenta così il successo di quasi 10mila presenze in tre giorni:  «È stato un fine settimana con numeri molto importanti che si avvicinano al 2019, periodo prima dell’emergenza sanitaria, e che fanno ben sperare per il prosieguo della stagione. Siamo molto contenti per queste presenze che vanno al di là di ogni più rosea aspettativa che avevamo. Un segnale buono per il rilancio della stagione».

Numeri importanti anche per il Museo Archeologico Pietro Griffo, per la Casa Museo Luigi Pirandello di piazzale Caos e per il sito archeologico e Antiquarium di Cattolica Eraclea. Queste cifre segnano un graduale ritorno alla normalità. Tanta la voglia di trascorrere le festività pasquali all’insegna della cultura, dell’archeologia, dell’arte e della bellezza.

Un successo che sarà replicato anche il primo maggio. Vi ricordiamo che l’assessorato assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana ha aderito alla campagna del Ministero della Cultura, che apre gratuitamente i luoghi della cultura ogni prima domenica del mese.

Foto: Anna & MichalLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati