ROSOLINI (SIRACUSA) – Quando tutti erano intenti a guardare la partita degli Europei tra Italia e Spagna, qualcuno ha spezzato il collo a un'oca nel parco "Giovanni Paolo II" a Rosolini, in provincia di Siracusa. E non è servito neanche denunciare l'accaduto ai vigili urbani perché, dopo le 20, la città sembrava essere abbandonata a se stessa.

Il vile gesto è stato scoperto lunedì sera, poco dopo le 20, da una passante, che ha subito denunciato l'accaduto portando alla ribalta la vicenda anche tramite i social network. L'oca galleggiava senza vita all'interno della vasca delle "paperelle" del parco e nel fianco presentava evidenti tracce di erba, come se qualcuno l'avesse prima prelevata dalla vasca e trascinata per le aiuole del parco.

"Mi sono ritrovata davanti questa scena macabra. Ho prontamente contattato i comando dei vigili urbani ma, dopo una lunga attesa, nessuno mi ha risposto. La carcassa della povera oca alla deriva dentro la vasca è rimasta lì tutta la sera sotto gli sguardi indignati di alcuni e indifferenti di altri. Sarebbe il caso, purtroppo, di aumentare i controlli", ha detto la donna.