Saltare la colazione può avere gli effetti esattamente opposti a quelli che si desiderano. Secondo un recente studio britannico, infatti, questa cattiva abitudine può causare un aumento di peso di quasi 12 chili all'anno, se non si svolge attività fisica. Il motivo di tale appesantimento è abbastanza facile da individuare: saltare la colazione porta a consumare a metà mattinata snack molto più calorici accumulando mediamente 252 calorie al giorno in più.

Su un'indagine condotta su 2000 adulti, una persona su dieci ha rivelato di non fare mai colazione durante tutta la settimana, mentre il 37% (più di un terzo del campione) ha spiegato di saltare il primo pasto di tanto in tanto durante la settimana. Di questa parte del campione esaminato, il 45% ha riconosciuto di sentirsi affamato a metà mattinata, il 30% di sentirsi stanco e il 23% scontroso. Solo il 12% ha spiegato semplicemente di dimenticarsi di fare colazione.

Tra coloro che saltano la colazione, il 27% consuma una barretta di cioccolato durante la mattinata, uno su dieci una bevanda dolce, percentuali che sono, per chi invece non si fa mancare il primo pasto, rispettivamente del 13% e del 4%. Insomma, la colazione ha un impatto determinante sulle abitudini alimentari delle persone e sul loro stato di salute. Saltare la colazione, in particolare, causa un abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue, che porta alla ricerca di una "gratificazione" durante la mattinata.