ImmagineDi Nando Cimino        

Liberamente ispirati o parzialmente ripresi da una vecchia raccolta dell’800 del grande ricercatore siciliano Salomone Salvatore Marino eccovi una serie di frasi che in maniera più completa facevano parte dei tanti componimenti popolari, spesso improvvisati, che impavidi spasimanti dedicavano alla propria amata attraverso le classiche serenate portate sotto il balcone. Potrebbero tornarvi utili in questi giorni per accompagnare un regalo, inviare un mail od un sms incuriosendo la vostra innamorata con qualcosa di semplice ed originale.  Buon San Valentino; sperando che sia amore vero!

 

Amuri chi si bedda chi si duci, ca Diu chi so manu ti furmau; ti misi ‘ntà vuccuzza meli duci e d’oru la to testa carricau.

Binidittu lu Diu ca ti criau e la mammuzza ca ti parturiu; lu patruzzu ca ti ginirau, la cummari ca a la fonti ti tiniu.

Odurusa chiossai di ogni ciuri, gigghiu siti di virginitati, iò vi amu e puru vui m’amati; pi biddizzi a la luna assimigghiati.

Di l’ucchiuzzi toi m’annamurai pi sorti, e taliannuli lu cori sbatti forti; quannu passi calitilli ‘nterra, ca ‘ntrà lu pettu m’addumi la guerra.

O chi vampa chi focu chi maceddu, l’aiu supra di tia lu me smiduddu; tu sulu a l’occhi mei mi pari beddu, ca pi biddizzi nun t’avanza nuddu.

Unni camini tu unni scarpisi, trema la terra unni li peri posi; nascinu ciuri di milli divisi, ciuri di barcu, galofari e rosi.

Aviti ssi manuzzi sapuriti, li carni bianchi e veru dilicati; quannu nisciti vui lu sapiti, ferma lu suli e vi dici: Passati!

Rosa ciuruta, duci e russicata, aviti la biddizza di na fata; quannu furriati ‘mpettu di la strata, l’omu tirati comu calamita.

La luna è bianca e vui brunetta siti, idda e d’argentu e vui l’oru purtati; la luna nun fa ciammi e vui l’aviti, idda la luci spanni e vui la dati.

Di zuccaru vi fici vostra matri, di zuccaru la vesti chi mittiti; di zuccaru la seggia unni siditi, di zuccaru lu lettu unni durmiti.