PECHINO: 37 neonati pronti ad essere venduti. In manette 103 persone. 

Avevano anche concordato il prezzo: 11 mila euro per i maschietti e 9 mila per le femminucce. Così la polizia cinese ha scoperto e sottratto ai trafficanti di neonati, ben 37 bambini, pronti ed essere venduti. 

In manette sono finite 103 persone, alcune delle quali, sono risultati essere i genitori naturali dei bambini messi in vendita. La tratta dei neonati interessa Pechino come la città di Shandong dove i trafficanti avevano già piazzato i pargoletti. 

La polizia cinese ha scoperto così una organizzazione disumana di traffico di neonati, molti dei quali, apparsi malnutriti e con problemi di salute. Il sistema era stato studiato con minuzia maniacale. Le mamme rimaste incinte, con evidenti problemi economici, e che non desideravano la gravidanza, venivano accolti dai trafficanti, in una azienda in periferia di Pechino. 

Li, insieme ad una "avventata" equipe di medici, i bambini venivano partoriti e subito sottratti ai genitori e predisposti alla vendita.