Ora è ufficiale. Domani, giovedì 13 gennaio 2022, riapriranno le scuole in Sicilia. Questo è emerso a conclusione della riunione della task force regionale, convocata dall’assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla, a cui hanno partecipato anche i rappresentanti sindacali, insieme con i vertici dell’Ufficio scolastico regionale.

L’assessore regionale all’Istruzione ha spiegato che “non ci sono le condizioni giuridiche per sospendere ulteriormente le attività didattiche”. Infatti, la sospensione delle lezioni in presenza è possibile soltanto in zona rossa, arancione e nei casi previsti dal decreto nazionale. Condizioni necessarie ma non sufficienti per andare in DAD (Didattica a Distanza) perché ci vuole il via libera dell’ASP.

Il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Stefano Suraniti, ha sottolineato che la Sicilia ha, comunque, dati pandemici più bassi rispetto alla media nazionale.

Come ha fatto sapere la FLC CGIL, inoltre, anche l’associazione nazionale dei presidi, “si è schierata per il ritorno a scuola senza se e senza ma”. “Noi abbiamo rappresentato le condizioni drammatiche in cui vertono le scuole, le forti criticità soprattutto a livello organizzativo e il fatto inequivocabile che i dati pandemici sono destinati ad aumentare – ha affermato i sindacati – Assurdo riaprire 2-3 giorni per mandare tutti in DAD o DDI lunedì prossimo. Abbiamo chiesto ancora qualche giorno ma abbiamo capito che solo una norma del governo nazionale può evitarlo”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati