L’evento siciliano inaugura la stagione del ciclismo italiano

  • Seconda tappa del Giro di Sicilia al via oggi, mercoledì 29 settembre.
  • Si parte dall’area archeologica di Selinunte (Trapani), per raggiungere Mondello (borgata marinara di Palermo).
  • I ciclisti affronteranno 173 chilometri.

Dalle antiche vestigia dell’area archeologica di Selinunte al mare caraibico di Mondello. È un percorso tra storia e paesaggi naturali quello della seconda tappa del Giro di Sicilia. La corsa si sviluppa su quattro frazioni e si conclude venerdì 1 ottobre a Mascali, in provincia di Catania. Venti le squadre partecipanti, con tanti nomi di primo piano. La “vecchia guardia” del ciclismo è rappresentata da Vincenzo Nibali, dal britannico Chris Froome, dallo spagnolo Alejandro Valverde, dal francese Romain Bardet e dallo statunitense Joe Dombrowski. Per le nuove generazioni, invece, ci sono Lorenzo Fortunato, Simone Velasco e il danese Mattias Skjelmose Jensen. Oggi, mercoledì 29 settembre, è dunque la volta della tappa numero due. Ecco i dettagli.

La seconda tappa del Giro di Sicilia

All’ombra delle antiche vestigia di Selinunte, alle ore 10,30 saranno allineati per la partenza i ciclisti che affronteranno i 173 chilometri fino a Mondello. Quanti visiteranno il Parco archeologico di Selinunte potranno, quindi, anche partecipare a un grande evento sportivo. La tappa si snoderà lungo un percorso che attraverserà la Sicilia, da costa a costa, toccando Partanna, Portella della Ginestra, Carini e Capaci per concludersi nella borgata marinara di Palermo.

Samonà: “Un’occasione per far conoscere le bellezze della Sicilia”

«Un’occasione straordinaria – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – che la Sicilia non poteva lasciarci sfuggire. Un’opportunità per la nostra Isola di far conoscere nel mondo i suoi siti archeologici e le bellezze maturali e paesaggistiche in un momento dell’anno che invita alla vacanza culturale. Dopo la presentazione del Giro d’Italia, lo scorso anno a Segesta, ci riempie di gioia che ancora una volta un sito archeologico siciliano faccia da quinta scenografica a un evento di grande impatto».

La presenza del Giro diventa anche occasione per un’operazione di restyling, piccola ma preziosa. I percorsi del Parco, da sterrati, diventeranno a malta stabilizzata per permettere il passaggio delle bici. Resteranno, poi, fruibili per i visitatori, secondo una scelta ecocompatibile e rispettosa del sito. «Un’occasione di grande visibilità – dice il direttore del Parco, Bernardo Agrò – che offre al nostro patrimonio storico un importante momento di diffusione».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati