Un vero e proprio dramma della disperazione a Parma, in Emilia-Romagna. Un disoccupato di 65 anni si è impiccato nella sua abitazione, che da giorni era rimasta senza luce. I tecnici, peraltro, stavano per provvedere a staccare anche le altre utenze. In più lo sfratto era diventato esecutivo. La tragedia è avvenuta giovedì scorso, 21 settembre.

La scoperta del cadavere è stata fatta dalla madre anziana, che si era recata nella sua abitazione insieme a un tecnico, racconta la stampa locale. La madre è entrata e ha visto una scena terribile: il figlio aveva deciso di legarsi una fune al collo e di fissarla a un tubo del gas.

Per lui non c'è stato nulla da fare. Sul posto sono arrivati i poliziotti, il medico legale e la polizia scientifica che sin da subito hanno escluso altre piste che non fossero il suicidio. Il 65enne, oltre alla madre, lascia una figlia.