Mentre si trovava in giardino è stata punta sul fianco da una rosa, ma non poteva neanche immaginare quali sarebbero state le conseguenze di questa disavventura. L'americana Julie Broude stava posizionando alcune luci, quando ha rimediato una puntura da una pianta di rose.

Qualche giorno dopo, ha iniziato a stare molto male: il piccolo taglio aveva infatti avviato una forte infezione, che stava mandando in cancrena la gamba e il gluteo. La donna, che ha 43 anni, è subito andata in ospedale e qui, pochi giorni dopo, è entrata in coma, a causa del clostridium septicum, un batterio che si trova spesso nel terreno. I medici avevano detto alla famiglia che le possibilità che potesse sopravvivere erano molto basse, ma hanno proceduto con un intervento per tentare di salvarle la vita.

In seguito Julie ha subito altri due interventi, per rimuovere la carne morta, e dopo due mesi era finalmente fuori pericolo. Non è stato necessario amputare la gamba. Il tasso di mortalità in questi casi è del 97%, ma Julie si è salvata, probabilmente grazie a delle analisi di routine fatte qualche settimana prima che avevano mostrato delle anomalie.