TERMINI IMERESE (PALERMO) – In chiusura le filiali dei supermercati del gruppo Cambria a Termini Imerese e a Catania. Si tratta dei supermercati a marchio Spaccio alimentare e Iperspaccio. Sono una decina i lavoratori impiegati a Termini che rischiano il posto, altrettanti a Catania. I sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno proclamato lo sciopero regionale diffidando la società dal proseguire queste azioni. Tra i punti vendita a Palermo quelli di via La Malfa, via Crocifisso a Pietratagliata (ex Sma) e via Ingham (ex Cityper Sma).

I sindacati sottolineano: "Durante il precedente incontro avevamo diffidato la società dal porre in essere iniziative di questo tipo, senza il preventivo e dovuto confronto sindacale, con l’obiettivo di salvaguardare e tutelare i livelli occupazionali, concordandone criteri e modalità che non possono rimanere una scelta discrezionale dell’azienda. È inutile rappresentare il clima di allarmismo e confusione che si respira ormai in tutti i punti vendita, a causa delle imprevedibili e improvvise iniziative aziendali, che ormai sono diffuse in tutte le province e che rischiano di vanificare i sacrifici che in questi ultimi anni i lavoratori hanno dovuto sopportare. Iniziative che evidenziano una palese difficoltà da parte della società di avviare un progetto di rilancio chiaro e definito e una evidente mancanza di una visione di prospettiva a lungo termine".