01Startup Weekend è nata a Seattle e in poco tempo ha contagiato il Globo: alla sua terza edizione a Catania lo scorso maggio, è da poco approdata a Palermo, dove ha dato vita ad un nuovo tour de force di 54 ore.

Più di 400 città in 100 Paesi del mondo è il bilancio dell’iniziativa imprenditoriale e di innovazione, sostenuta da Google e Microsoft. A Palermo a metà novembre, si sono presentate 90 persone, tutte chiamate a ‘competere’ sul campo delle idee in cui poter investire e creare nuove realtà imprenditoriali: in sole 54 ore.

È questo il format della ‘competizione di idee’ americana, organizzata per l’Italia da Francesco Passantino, a capo del gruppo di sviluppatori Google, Giuseppe Castellucci, di Neunoi, e Monica Guizzardi, coordinatrice delle attività di comunicazione Arca, la società consortile che si occupa di acquisti. Arca fornirà ai vincitori del primo premio, la possibilità di sfruttare i suoi locali per iniziative di co-working, e offrirà ai ragazzi del team, un’analisi di fattibilità imprenditoriale.

La giuria di Palermo, organizzata in sponsor, imprenditori e ‘addetti ai lavori’, dopo aver passato al setaccio le migliori idee, ha decretato quale vincitrice Domotic, nella figura di Simone Cascino, che ha proposto la progettazione di un impianto economico di automatizzazione casalinga. Domotic ha poi partecipato, insieme ad altri quattro gruppi aderenti, alla Global Startup Battle, ovvero un contest internazionale il cui vincitore verrà seguìto direttamente dalla multinazionale tecnologica Google.

Al secondo posto Your Voice, un’applicazione di Luciano Zoida per tradurre il linguaggio dei segni in linguaggio verbale; mentre il terzo posto è stato assegnato a XYZ: Vincenzo Cancemi ha pensato ad una riconfigurazione dei pezzi di arredamento a partire da un kit di tipo open source, in pratica un po’ come se ognuno di essi fosse un pc fondato su un software; tutti potranno ‘metterci le mani’ per cambiarne il volto e rendere così, ciascun mobile, di volta in volta nuovo e autentico.

L’idea di Your Voice ha ricevuto il premio Catamiati: la società di consulenza creativa sarà a disposizione di Zoida per un anno; terzo premio invece per Cancemi, che porta a casa 50 ore di co-working presso l’aula riunioni di Neunoi, oltre al premio Sicilian Venture Philantropy Foundation che consiste nell’assegnazione di un mentore della fondazione al team; il professionista guiderà l’idea verso un percorso di crescita e sviluppo professionale, attraverso partecipazioni alle sessioni di co-working, incontri con investitori e partner media.

Ognuna delle idee selezionate per la vittoria, non ha solo una valenza tecnologica ma anche sociale. Tra i partecipanti anche chi ha voluto creare una app che sia in grado di segnalare i luoghi infestati da rifiuti abusivi e una sartoria on-line per ideare capi di stoffe africane sulla base di abiti dal taglio europeo.

Autore | Enrica Bartalotta