Strangola la moglie e poi tenta di togliersi la vita. Un'indicibile tragedia a Cremona, precisamente in via dell'Annona, in una palazzina condominiale di cinque piani dove viveva la coppia. L'omicidio sarebbe avvenuto al culmine di un litigio. 

Nadia Guessons, questo il nome della vittima, era una donna marocchina di 45 anni. Il marito, Saddike Chabli Sdk, 58 anni, dopo averla uccisa, ha cercato di togliersi la vita. La donna è stata trovata vestita nel letto dai carabinieri.

In casa non ci sono segni di violenza, anche se l'omicidio, secondo quanto ha confessato l'uomo, sarebbe maturato al termine di un litigio. Lei lavorava in una mensa di via Bonomelli, nel centro cittadino. Lui era disoccupato da tempo.

In casa i carabinieri hanno trovato quattro fogli scritti a mano dall'uomo che spiega la sua intenzione di uccidere la moglie e poi di togliersi la vita perché la donna gli aveva comunicato l'intenzione di lasciarlo. Saddike Chabli Sdk è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario.