L'esperienza a Striscia La Notizia è finita per Fabio De Nunzio due anni fa, con l'accusa di aver realizzato alcuni servizi falsi insieme al collega Mingo. Lo scorso dicembre, l'ex inviato è stato riconosciuto innocente, perché, come spiegato in un comunicato dallo stesso tg satirico: "Le indagini della Procura di Bari hanno confermato che Mingo e la moglie hanno operato unilateralmente, taroccando alcuni servizi in danno di Striscia e all’insaputa dello stesso Fabio". Dalle pagine di Novella2000 si apprende che De Nunzio è rimasto senza lavoro, dopo una breve apparizione lo scorso anno su Telenorba. 

«Telenorba, sicuramente, mi ha aiutato – spiega – perché sono stato impegnato ogni giorno con una trasmissione d’inchiesta. Ma è terminata a giugno scorso. Per adesso, oltre alle presentazioni del mio libro Sotto il segno della Bilancia, sono un disoccupato della televisione italiana. Le dico che solo che oggi riesco a sopravvivere grazie ai risparmi accumulati negli anni di lavoro con Striscia. Spero che il riconoscimento della mia innocenza possa bastare a farmi tornare in televisione».

Lo scandalo che ha travolto il duo Mingo e Fabio è stato un momento drammatico per De Nunzio: «Un periodo disastroso. Molto difficile. Stare a Striscia, il programma più seguito d’Italia, e sentirsi additato di cose che poi non hanno avuto nulla di veritiero è stato veramente assurdo. Addirittura, la Rete ha scritto che mi avevano arrestato per droga e prostituzione. Pensate un po’ a mio figlio che è adolescente e va a scuola. Quello che ha vissuto in determinati momenti! È stato uno tsunami nella mia famiglia. E non auguro nemmeno al peggior nemico tutto questo».