I carabinieri hanno sbloccato l'iPhone di Tiziana Cantone, la 31enne di Mugnano di Napoli morta suicida perché non sopportava più la gogna pubblica per alcuni video hot diffusi in rete (leggi qui tutti gli articoli). Tra i contenuti ritrovati figurano anche alcuni messaggi vocali registrati dalla giovane prima di morire. Già a ottobre la procura aveva chiesto alla Apple lo sblocco del cellulare, avvenuto poi grazie a un "trucco" informatico identico a quello utilizzato dall'Fbi per l'iPhone del killer di San Bernardino.

I militari sperano in questo modo di dare la volta definitiva alle indagini sulla morte della 31enne campana. Il principale indiziato per istigazione al suicidio è sempre l'ex fidanzato di Tiziana, Sergio Di Palo. Poco prima di compiere il tragico gesto, Tiziana aveva spento il cellulare per "blindare" per sempre tutte le prove della sua vergogna.

Come riporta "Il Mattino", i militari sono riusciti sbloccare l'iPhone senza attivare la funzione di sicurezza di iOS che avrebbe cancellato tutti i dati dopo dieci tentativi errati. Gli inquirenti hanno dunque avuto accesso alle telefonate effettuate dalla Cantone prima di suicidarsi, ai messaggi con due ex fidanzati: in una conversazione Di Palo si sarebbe rivolto a lei con una battuta triviale durante una lite, mentre in un altro scambio di sms Tiziana si sarebbe sfogata con un altro ex fidanzato, precedente alla storia con Sergio.