Lo stellato siciliano Tony Lo Coco trova una soluzione all’annosa questione che vede opporsi Palermo e Catania: si dice arancina o arancino? Dal palco dei cooking show di Expocook, lo chef presenta la sua versione del piatto.

Tony Lo Coco mette d’accordo Palermo e Catania: Sicilia nel piatto

Tante eccellenze e tanta Sicilia a Expocook, la fiera del gusto che ha aperto i battenti il 9 maggio e si conclude oggi a Palermo. Tony Lo Coco, lo chef che con il suo “I Pupi” di Bagheria ha ottenuto la Stella Michelin, ha presentato una versione di un simbolo per eccellenza dello street food.

Si dice arancina o arancino? La risposta di Lo Coco si chiama “La Sicilia nel piatto“: crema di riso cotto allo zafferano, stracotto di maialino, crema di piselli, mollica fritta.

I sapori sono quelli dell’arancina/o, ma l’aspetto quello di un’Isola che accontenta tutti. Nella parte destra del piatto che la mollica al nero di seppia, che simboleggia l’Etna e offre un ramoscello d’ulivo agli “amici catanesi”, come li chiama lui.

Alla grande manifestazione ha partecipato anche il “tristellato” Heinz Beck de “La Pergola” di Roma, che ha con la Sicilia un legame speciale: la moglie, infatti, è di origine palermitana.

«Uno chef non può fermarsi al gusto, deve presentare piatti sani e guardare all’equilibrio organolettico fra gli ingredienti», ha detto ad Expocook. «Se i profumi che arrivano a chi mangia non sono graditi – aggiunge – suona un campanello d’allarme, la portata viene vista con sospetto, magari a livello inconscio. E anche il miglior piatto del mondo rischia di non essere apprezzato a dovere».

«Solo se studiate, avrete qualcosa da raccontare», dice Beck ai cuochi che lo ascoltano. Quindi conclude: «Sono felice di essere qui con voi perché vedo tanti giovani».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati