Tram senza pace a Palermo. Dopo il grave episodio di pochi giorni fa, sono state scassinate altre quattro macchinette che distribuiscono i biglietti del tram. Le machinette in questione sono tutte disposte lungo la linea 1, che da Roccella porta alla stazione centrale; più precisamente si tratta dei distributori posizionati a ridosso delle fermate Missori, Ponte Ammiraglio, Amedeo D'Aosta e Sperone. 

Per evitare che simili, pernicosi atteggiamenti si ripetano, l'Amat ha deciso di dotare le macchinette di cravatte di acciaio e lucchetto antiscasso.

Michele Cangialosi, conduttore della linea 1 del tram, spiega: "Ci sono stati diversi furti. L'azienda ha così smontato le macchinette a ridosso delle quattro fermate per sistemarle. È assurdo che si compiano atti del genere: si tratta di pochi spiccioli, al massimo 10 euro, visto che i raid avvengono durante la notte e l'azienda ogni giorno provvede a svuotare le macchinette". 

Antonio Gristina, presidente Amat, gli fa eco: "Ad arrecare danno all’azienda non sono tanto i furti, perché le macchinette vengono svuotate più volte al giorno, quanto piuttosto la necessità di interventi manutentivi e il danno d'immagine. Ancora una volta facciamo appello ai cittadini onesti affinché isolino coloro che hanno comportamenti di questo tipo".