Ritorna sui binari il Rapido Peloritano, in viaggio nelle giornate del 16, 17 e 18 luglio tra Palermo e Messina. Il treno rievoca i fasti del leggendario servizio a lunga percorrenza che ha collegato Roma alla Sicilia fino al 1987.

In viaggio sul Rapido Peloritano

Continuano i servizi charter di lusso della Fondazione FS (Gruppo FS Italiane), effettuati con vetture restaurate di gran comfort. Nelle giornate del 16, 17 e 18 luglio, in particolare, sarà possibile fare un salto indietro nel tempo, per rivivere i fasti del leggendario servizio a lunga percorrenza che ha collegato Roma alla Sicilia.

Il Rapido Peloritano viaggerà tra Messina e Palermo, per poi proseguire verso la Capitale. La prima corsa è in programma sabato 16 luglio, con partenza alle ore 14,50 da Messina Centrale. Il treno raggiungerà Palermo alle ore 18,30, percorrendo la suggestiva tratta che costeggia il mar Tirreno. Domenica 17 luglio nuova partenza alle ore 10,24 dalla stazione di Palermo Centrale, con arrivo a Messina alle 13,15.

Si conclude lunedì 18 luglio, con la terza e ultima corsa tra Reggio Calabria Centrale e Roma Termini, percorrendo tutta la Tirrenica e la Direttissima via Formia. Si parte alle ore 8,20 da Reggio Calabria Centrale, con fermate intermedie nelle stazioni di Lamezia Terme Centrale (9.46), Salerno (12.28) e arrivo a Roma Termini alle 15.48.

A bordo del Rapido Peloritano – si legge in una nota – i viaggiatori avranno modo di rivivere la fantastica atmosfera ferroviaria degli anni Ottanta del secolo scorso, con servizi di lusso e grande confort di bordo”. È possibile acquistare i biglietti per viaggiare a bordo del treno sul sito istituzionale della Fondazione FS all’indirizzo.  Per avere inoltre maggiori informazioni, si possono consultare le fanpage ufficiali della Fondazione FS sui principali social network.

Foto di Giorgio StagniCC BY-SA 3.0.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati