Brutta sorpresa per i turisti che sarebbero dovuti partire, nella giornata di sabato, da Lampedusa, per rientrare a Parma e a Bergamo. Nonostante fossero tutti regolarmente muniti di biglietto, non c'era alcun aereo in pista pronto ad accoglierli. Tourgest con un comunicato ha dato notizia della mancanza degli aerei, così a centinaia di persone non è rimasto altro da fare se non tornare con dei voli alternativi, a proprie spese.

Secondo quanto riportato da Il Giorno, i passeggeri avevano acquistato un pacchetto da sabato a sabato, ma il tour operator ha comunicato: «A causa dei gravi accadimenti delle ultime settimane, Tourgest.com è costretta suo malgrado a cancellare l'attività». La colpa sarebbe stata del «Grave colpo inferto da Air Partner e dal suo Vettore Operativo». Air Partner ha spiegato di essere completamente estraneo alla vicenda, avendo disdetto il contratto con il tour operator siculo. 

Ecco cosa si legge su Il Giorno:

"Allarme rientrato, almeno per questa settimana", spiegano dall’aeroporto di Lampedusa. Non dovrebbero esserci più persone bloccate sull’isola. "Domenica non è venuto nessuno a chiedere informazioni e voli alternativi", spiegano al centralino. Sabato dalla Sicilia non riuscivano a rientrare circa trecento persone: chiamavano il tour operator ma una musichetta li teneva in attesa. D’altronde la stessa TourgesT era stata netta nel comunicato pubblicato sul sito: "Trattandosi di cancellazione che coinvolge un numero ingente di passeggeri non si sta predisponendo alcuna riprotezione in assenza di una soluzione che sia omogenea per tutti passeggeri". Ciascuno ha dovuto cavarsela da solo. Resta l’incognita per sabato – visto che i pacchetti sono stati venduti anche per il 24 settembre – e per fine mese quando anche da Milano partiranno in tanti: c’è il Prix Italia.