Un bacio per sognare… Questo notissimo ed appassionato bacio icona della storia del cinema, ha rappresentato per generazioni il simbolo della passione irruenta e travolgente tra un uomo ed una donna. La carica emozionale suggerita da questa immagine e dalla trama del famosissimo film “Via col vento” dalla quale è tratta, ha fatto vibrare il cuore di donne e uomini di tutto il pianeta. Il cinema, per il popolo dei sognatori, è come una App che gestisce e veicola emozioni selezionate a seconda dell’umore: adrenalina, paura, amore, amicizia, goliardia, risate, commozione, insomma, un angolo virtuale dove immaginare di essere un supereroe acclamato da tutti piuttosto che un’affascinante donna corteggiata da un qualche misterioso uomo d’affari straniero. Bucare la monotonia di una vita grigia e banale grazie ad un semplice “ciack si gira”, è un paradiso parallelo in cui ripararsi a riprendere fiato, un bisogno di spensieratezza, di una ventata d’aria fresca, che porta la maggior parte di noi a cercare nei personaggi e nelle trame dei film quella rigenerante sana follìa, e perché no, anche qualche piccola trasgressione che non abbiamo il coraggio e “fortunatamente” il buonsenso di attuare nella realtà. Basta un attimo ed ecco che ci troviamo catapultati in qualche giungla con un coltello tra i denti o all’interno di un favoloso castello con in mano una scarpetta di cristallo. Il popolo dei sognatori spesso si identifica con i personaggi dei film e con gli attori che li interpretano, facendoli diventare divi da emulare. Ma è tutto frutto dell’immaginazione, quegli attori nonché protagonisti delle storie che ci stanno più a cuore, sono solo un’immagine creata da noi stessi, e anche se tacitamente sappiamo essere palesemente un falso, amiamo ugualmente quello che rappresentano per noi, un ideale impossibile. Chi non ha sognato almeno una volta di essere anche solo per un giorno una star di hollywood, giusto per godere dei privilegi della notorietà, girare in limousine con autista con tanto di cappello, soggiornare nelle lussuose suite dei migliori alberghi, partecipare alle feste internazionali più cool, essere ricevuti dalla Regina Elisabetta, da Barak Obhama, o perfino dal Papa. Resta comunque il fatto che nessuna realtà potrà mai superare l’immaginazione, i sognatori puri sanno bene quanto sia infinitamente più gratificante avere la possibilità e la libertà di scegliere quando essere Lady Gaga o George Clooney o più semplicemente una dinamica casalinga piuttosto che un opaco ragioniere. Il mondo del sognatore deve assolutamente restare virtuale per regalare le sue migliori prestazioni, interpretazioni da premio oscar, performance uniche ed irripetibili.