«Vado al mercatino più bello»: c'era anche l'italiana Fabrizia Di Lorenzo al Weinachtmarkt di Berlino quando è avvenuto il drammatico attentato di lunedì 19 dicembre. Doveva acquistare qualche regalo di Natale per amici e parenti.La donna doveva fare ritorno in Abruzzo il 22 dicembre.

«Siamo disperate – dicono le amiche – non vogliamo credere che Fabrizia non ci sia più. Fino alla fine vogliamo pensare che sarà qui con noi, a Sulmona, a ridere e scherzare». Ai suoi colleghi di lavoro, scrive sul Corriere della Sera Francesco Battistini, aveva detto che sarebbe andata al mercatino di Charlottenburg per acquistare i regali.

Sul quotidiano ci sono anche le parole della cugina Emiliana: «Doveva tornare in Abruzzo giovedì, poi voleva che facessimo Capodanno insieme a Berlino. Ma in casa avevamo un po' paura, i miei fratelli dicevano che con questi attentati in giro non era il caso». Il primo a sapere dell'attentato è stato il padre:

Un brivido: Gaetano Di Lorenzo ha preso il cellulare e provato a chiamare e a chiamare ancora e a richiamare e a riprovare. Niente. Sempre a vuoto. Alla decima volta qualcuno ha risposto, in tedesco: «Abbiamo capito che era finita all’una e mezza di notte».