Dopo un lungo periodo di stop forzato, a causa dell’emergenza pandemica, le processioni religiose potrebbero presto riprendere in Sicilia. I Vescovi della nostra regione hanno riflettuto su questa opportunità, sottolineando che, in segno di compassione per il popolo ucraino, invitano a evitare fuochi d’artificio e giochi pirotecnici.

Sì alle processioni in Sicilia, ma senza fuochi d’artificio

Già dalla Domenica delle Palme si potrebbe tornare a partecipare alle processioni. Per via della pandemia, questi eventi sono rimasti a lungo sospesi, ma adesso sono a un passo dalla ripresa. L’argomento è stato affrontato dai Vescovi di Sicilia, in occasione della sessione primaverile della Conferenza episcopale siciliana, che si è conclusa ieri a Palermo.

Qualora il Governo nazionale, il prossimo 31 marzo, decida di revocare lo stato di emergenza relativo alla pandemia provocata dal Covid 19, gli eventi riprenderanno senza tanti impedimenti.

I Vescovi si sono radunati a Palermo, dove si è svolta la Sessione primaverile della Conferenza Episcopale Siciliana. Ha presieduto i lavori il Vice-presidente, monsignor Michele Pennisi. In apertura della Sessione i Vescovi hanno accolto monsignor Luigi Renna, presente per la prima volta ai lavori.

Hanno rivolto un caloroso saluto a monsignor Salvatore Gristina, Arcivescovo emerito di Catania, che ha concluso il suo mandato di Presidente della Cesi.

L’appello dei Vescovi siciliani

È in questa occasione che hanno lanciato un messaggio di sensibilizzazione sull’uso dei fuochi d’artificio durante le processioni in occasione della Pasqua.

«Quale gesto concreto di compassione col popolo ucraino – si legge in una nota – i Vescovi invitano tutti ad evitare i fuochi o le cosiddette bombe pirotecniche per le prossime feste pasquali, cioè quelle relative alla Domenica delle Palme, alla Santa Pasqua ed al lunedì di Pasquetta».

E aggiungono: «I Vescovi vorrebbero vietare questi atti, in un momento storico nel quale uomini, donne, anziani e, specialmente, bambini sono atterriti dal suono delle sirene russe e uccisi dalle bombe belliche che vengono lanciate sul territorio ucraino e che lo stanno devastando».

Quindi l’ulteriore invito: «In segno concreto di solidarietà, si invita anzi a convertire il corrispettivo denaro speso per l’acquisto di fuochi pirotecnici in aiuti umanitari ai profughi che saranno accolti nelle nostre Diocesi e nelle nostre Città».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati