Oggi, martedì 19 luglio, si commemora il 30° anniversario della strage di via D’Amelio, in cui morirono il giudice Paolo Borsellino, e cinque agenti della scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi (prima donna a far parte di una scorta e anche prima donna della Polizia di Stato a cadere in servizio), Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L’unico sopravvissuto fu l’agente Antonino Vullo, che al momento dell’esplosione stava parcheggiando una delle auto della scorta.

Tra i tanti presenti nel capoluogo siciliano anche Pietro Grasso, ex magistrato e presidente del Senato, oggi senatore.

Come riportato su BlogSicilia, parlando con i giornalisti, Grasso ha detto: “Certamente queste giornate sono di commemorazione collettiva e sono importanti per far riflettere le persone ma i familiari quotidianamente sentono la mancanza dei loro cari e vedono il posto vuoto a tavola. Comprendo perché non vogliono partecipare alle cerimonie ufficiali. Spesso c’è una ipocrisia dietro, da parte di persone che magari hanno contrastato e che invece sono oggi qui a celebrare”.

Grasso ha poi rivelato: “Ricordo che Paolo Borsellino venne a trovarmi al ministero della Giustizia dove io ero stato chiamato da Giovanni Falcone, venne una decina di giorni prima della strage di via D’Amelio e mi disse: ‘Sai Piero, ho saputo che è arrivato l’esplosivo anche per me, e ci sono amici che mi dicono di abbandonare tutto, di lasciare Palermo ma come posso io lasciare e abbandonare i cittadini che credono in me e in noi. Io devo continuare’. Ecco, Paolo è andato incontro al suo destino con coscienza e consapevolezza”.

L’ex presidente della Direzione Nazionale Antimafia ha pure detto: “Le vittime hanno diritto alla verità. Purtroppo alcune di queste verità sono conservate nella mente e nella memoria di coloro che non hanno mai dato il loro contributo alla giustizia. Mi auguro che prima o poi possano avere una resipiscenza e aiutarci a costruire questa storia che non può finire così. Deve essere accertato tutto e il più presto possibile”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati