Che l’Etna fosse un vulcano delle meraviglie, lo sapevamo già. ‘A Muntagna, come la chiamano i siciliani, ha un fascino irresistibile proprio per tutti, inclusa la Vipera dell’Etna, che qui ha trovato casa. Conosciamo meglio le sue caratteristiche.

Vipera dell’Etna

Il suo nome scientifico è ” Vipera Aspis Hugyi Sching” ed è proprio sul celebre vulcano della Sicilia che ha trovato il suo habitat ideale. Si tratta dell‘unico serpente velenoso che si può incontrare sull’Etna, quindi è molto importante distinguerlo dagli altri.

Lunga circa 70 centimetri (in media è sui 60-65 centimetri), la Vipera dell’Etna ha una testa grossa, a forma di cuore, ben distinta dal resto del corpo. Il suo “musetto” è rivolto all’insù. Il suo colore è scuro e la si riconosce per alcune macchie sparse sul corpo. Le macchie vanno da tre a cinque e si concentrano sulla zona della coda.

Il colore di fondo osservato più comunemente è quello bruno-fulvo chiaro. Meno di frequente si osserva il colore grigio-cenere. Non si registrano casi di melanoticismo e/o xantocroismo nel territorio considerato.

Altro segno distintivo è una “v” rovesciata, che segna il retro del capo e del dorso. La lunghezza massima accertata, è di 94 centimetri e il rapporto medio coda-corpo risulta pari a 1/7 della lunghezza totale.

Il suo veleno è molto potente e, per eliminarlo, servono gli appositi antidoti. È buona abitudine, soprattutto nei mesi più caldi, indossare scarponi, calze spesse e pantaloni lunghi, per proteggersi. Anche utilizzare un bastone mentre si cammina, per fare rumore, è molto utile.

Sempre in relazione al veleno, sappiamo che viene prodotto da speciali ghiandole velenifere, poste in fondo al palato, e inoculato tramite denti del veleno, cavi al loro interno.

Dato che il suo veleno contiene sia neurotossine che emotossine, è molto attivo sui piccoli animali. Raramente, per fortuna, il veleno della vipera dell’Etna risulta mortale per l’uomo, ma è necessario un soccorso immediato, onde evitare effetti seri.

Altre caratteristiche

La banda dorsale della vipera dell’Etna è formata da una serie di ocelli continua ma non risulta perfettamente simmetrica per circa 2/3 della lunghezza del corpo. La parte restante può essere ornata da ocelli distinti tra loro o da una trama a zig-zag continuo. Le squame interne della banda sono color nocciola scuro o bruno scuro, mentre i suoi contorni sono neri.

Gli esemplari possono raggiungere anche i vent’anni di vita. Si nutre principalmente di topi, lucertole e piccoli uccelli. È un animale territoriale, goffo e lento nei movimenti, ma che reagisce in modo fulmineo qualora venisse calpestato o molestato.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati