Drammatico gesto di una madre di Vittoria. La donna non si rassegna all'ipotesi che il figlio sia morto suicida: il giovane si è lanciato dal terrazzo dell'istituto scolastico che frequentava, il 20 novembre del 2015 e le indagini hanno escluso ogni altra dinamica. La donna si è incatenata ieri mattina davanti l'ingresso dell'istituto e ha minacciato di darsi fuoco, tenendo in mano un accendino, avendo accanto due bottiglie contenenti benzina. Vicino a lei c'erano due striscioni con le scritte "Verità e giustizia per Roberto" e "Beati gli assetati di giustizia". In seguito all'intervento della polizia di stato del commissariato locale e dei carabinieri della compagnia di Vittoria, la donna ha sospeso la protesta. Sul posto sono intervenuti anche vigili del fuoco, polizia municipale e personale del 118.