Le piantagioni di caffè in Etiopia sono a rischio a causa dei cambiamenti climatici. Proprio qui, dove ha avuto origine la pregiata varietà arabica, entro la fine del secolo tra il 40 e il 60 per cento delle aree coltivate oggi a caffè non saranno più adatte alla coltura.

A rivelarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Nature Plants, che tuttavia previsa come c'è un modo per invertire questa tendenza: spostare le piantagioni e implementare misure per la conservazione delle foreste. In questo modo si potrebbero addirittura quadruplicare i terreni compatibili.

Il caffè è una risorsa primaria per l'Etiopia e la sua produzione dà sostentamento a circa 15 milioni di persone, generando un quarto dei proventi delle esportazioni del Paese. I ricercatori hanno sottolineato che la crescita delle temperature e la diminuzione delle piogge sono i principali elementi legati al cambiamento climatico che incideranno sulle piantagioni di caffè.