Perdura l'allarme maltempo in diverse zone della penisola. È la perturbazione di origine atlantica la causa delle abbondanti piogge e dei violenti temporali che si sono abbattuti sul nord Italia. La perturbazione nelle prossime ore si sposterà in direzione delle regioni centro-meridionali, con fenomeni più significativi sui settori adriatici.

Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo: precipitazioni diffuse, localmente anche molto intense e che potrebbero essere accompagnate da grandine, fulmini e forti raffiche di vento, su Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Umbria, Lazio, Molise, Puglia, Basilicata e Sardegna. 

Attese piogge anche in Sicilia, specialmente sui rilievi.