La Protezione civile regionale ha aggiornato le previsioni di rischio idrogeologico per la giornata di domani 17 novembre con un’allerta arancione in quasi tutta la Sicilia.

Sono previste, quindi, condizioni meteo avverse con rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e locali forti raffiche di vento.

Secondo la Protezione Civile, si prospettano possibili criticità di tipo geomorfologico (frane) e/o di tipo idraulico nei piccoli bacini e nelle areee urbanizzate. Inoltre, si avvisa che le “criticità idrogeologiche e idrauliche possono risultare sensibilmente più gravose in caso di rovesci o temporali o di condizioni meteorologiche avverse, la cui localizzazione geografica, disitribuzione e intensità sono connotati da elevata incertezza previsionale”.

Tutta colpa di una depressione tra la Tunisia e Sicilia e Sardegna che continua a convogliare impulsi di tempo perturbato, a tratti anche intensi: in queste contesto, sono attese piogge e temporali che interesseranno dapprima la Sardegna, per portarsi poi anche su Sicilia e Campania, specie sui settori costieri di quest’ultima.

I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e locali forti raffiche di vento. Valutata, inoltre, allerta gialla su alcuni settori di Marche, Abruzzo, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sardegna e resto della Sicilia.

In Sicilia oggi si sono registrate anche trombe d’aria, soprattuto nel trapanese e nell’agrigento, creando panico tra i residenti, temendo che arrivassero a terra.

La tromba d’aria – come raccontato su BlogSicilia.it – si è mossa dal mare di Menfi fino a Mazara del vallo e la gente ha filmato l’evento invocando antiche litanie usate dai pescatori per farlo cessare. Contemporaneamente, sulla zona, dal mare fino all’abitato di Castelvetrano, sempre in provincia di Trapani, si è registrata una forte grandinata con chicchi molto grossi.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati