Ancora problemi e disagi alla facoltà di Medicina dell'Università di Palermo. Dopo due giorni di stop per cercare di risolvere i problemi legati alla trasmissione in streaming, sono riprese le lezioni per 1.200 studenti del secondo anno.

Stamani la lezione di fisiologia si è svolta tra le aule Ascoli, con il professore in classe, e l'aula Maneschi, dove un centinaio di studenti annoiati e comprensibilmente distratti fissavano un quadratino nella lavagna, cercando di ascoltare l'audio col professore in streaming. Il tutto senza possibilità di interagire ponendo domande.

Per un po' il sistema di videoconferenze ha funzionato. Tutti in silenzio a sentire prima le scuse del docente per quanto sta avvenendo: "Gli alunni che seguono dalla Maneschi sono studenti di medicina come quelli che seguono dalla Ascoli", dice il professore, cercando di spiegare le difficoltà organizzative.

A mezz'ora dalla fine della lezione alcuni studenti che si trovavano nell'aula Maneschi si sono spostati alla Ascoli e hanno comunicato al professore che non si capiva nulla seguendo in streaming. In questo modo la lezione è stata sospesa e il professore si è spostato alla Maneschi per fare il punto della situazione e dire in buona sostanza che le cose andranno avanti così per tutto l'anno.

E per domani è previsto un nuovo stop. Il docente ha spiegato che le lezioni saranno sospese perché nell'aula Ascoli è previsto un seminario e non ci sono altre aule disponibili. "Non capisco perché non utilizziamo Skype – dice uno studente – almeno puoi interagire con il professore e fargli di tanto in tanto qualche domanda".


Fonte: Ansa / LiveSicilia