Il WWF Sicilia area mediterranea ha inviato una nota a tutti i comuni che si affacciano nel canale di Sicilia per invitarli a non distruggere la fauna e la vegetazione delle spiagge.

Nella nota si legge: “Questo perché ogni anno gli arenili vengono spianati da mezzi pesanti che distruggono tutto ciò che incontrano, quali i nidi di fratino, rarissimo trampoliere, di cui si contano ormai solo 2000 coppie, e le deposizioni di uova della tartaruga Caretta caretta. Per non parlare della distruzione di intere distese di Pancrazio o Giglio di Mare, di cui le nostre no coste si adornano”.

La nota è stata inviata ai comuni di Trapani, Paceco, Petrosino, Marsala, Castelvetrano, Mazara del Vallo, Campobello di Mazara, Menfi, Sciacca, Ribera, Cattolica Eraclea, Montallegro, Siculiana, Realmonte, Porto Empedocle, Agrigento, Palma di Montechiaro, Licata, Gela, Butera, Acate, Vittoria, Ragusa, Santa Croce Camerina, Scicli, Modica, Pozzallo e Ispica.

Il presidente, Giuseppe Mazzotta, ha affermato che “queste attenzioni non rappresentano solo un gesto di civiltà, ma una garanzia per assegnare un valore aggiunto all’attrattiva anche turistica del nostro territorio”. “La bellezza della Sicilia non va sprecata, deve essere conservata e protetta, per il bene delle future generazioni”, ha concluso il WWF.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati