A Balestrate, in provincia di Palermo, ha aperto i battenti il parco dov’è vietato usare smartphone e strumenti tecnologici per chattare o andare sui social media.

Il progetto è stato ideato e promosso dall’associazione Genitori balestratesi che 5 anni fa è scesa in campo dopo che il vecchio parco era stato totalmente distrutto e trasformato in un parcheggio per auto. L’area appartiene alla scuola elementare Aldo Moro, è  grande circa mille metri quadrati ed è recintata, garantendo la totale sicurezza per i bambini lontano dal traffico e dai pericoli della strada.

Per far fronte alla carenza di risorse pubbliche, l’associazione ha raccolto circa 30 mila euro di donazioni da parte di cittadini e attività commerciali. Inoltre, ha realizzato il progetto che ha consentito al Comune di ottenere un finanziamento di circa 40 mila euro dall’assessorato regionale alle Politiche sociali.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con il Comune e con l’istituto comprensivo Rettore Evola e ha visto all’opera decine di artigiani, professionisti locali, volontari ed esperti per garantire la massima accessibilità e inclusività.

“Questo parco – ha spiegato l’ideatore Riccardo Vescovo – nasce con l’obiettivo di lanciare un segnale, a genitori e bambini, di attenzione e cura dei beni pubblici. Non usare social e smartphone significa riflettere sull’importanza della realtà che ci circonda, riscoprire i valori autentici della vita. Per dirla con le parole di Papa Francesco, è un invito a essere più sociali e meno social”.

Centinaia ogni giorno i visitatori: “Per bambini e genitori è una grande novità – ha detto Piera Testaverde, presidente dell’associazione Genitori balestratesi – I piccoli sono molto attenti a seguire il divieto, anche gli adulti trovano piacevole staccare la spinta per qualche ora. Abbiamo inserito anche dei giochi di una volta per favorire a nonni e bambini di stare insieme”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia