Nuova possibilità per acquistare una casa a 1 euro a Calatafimi Segesta, in provincia di Trapani. L’amministrazione comunale ha pubblicato un nuovo bando dedicato alla vendita degli immobili a prezzo simbolico. Tutti i dettagli, i documenti e le scadenze per partecipare.

Calatafimi Segesta, casa a 1 euro: il nuovo bando

C’è un nuovo bando, dunque, per aggiudicarsi una delle case a 1 euro del Comune guidato dal sindaco Francesco Gruppuso. Sono interessati 42 immobili acquisiti al patrimonio comunale dopo il terremoto del 1968, cui si sono aggiunti (ed è questa la novità) anche 6 immobili di privati.

Tutti i documenti sono reperibili sul sito istituzionale del Comune di Calatafimi Segesta e c’è tempo fino al 30 novembre per presentare la propria offerta, con una base d’asta che parte da 1 euro.

“Questa iniziativa darà una ulteriore spinta economica alla città, anche sotto l’azione dei privati e le sinergie con il pubblico”, ha commentato il primo cittadino. Il funzionamento del progetto è molto simile a quelli già in atto in diverse parti della Sicilia. Gli immobili necessitano di una serie di interventi di ristrutturazione e chi acquista ha l’obbligo di progettare e terminare i lavori entro scadenze stabilite.

La rinascita del centro storico

La possibilità di comprare una casa a 1 euro a Calatafimi Segesta rientra nelle attività poste in atto dall’amministrazione comunale, allo scopo di recuperare diversi immobili del centro storico. Si punta a riqualificare la cittadina e il suo patrimonio architettonico, rivitalizzando la parte storica del paese e restituendola alla funzione di un centro ricco di vita, cultura e attività.

Calatafimi sorge fra le colline dell’agro segestano. La cittadina è più conosciuta con l’originario nome di Calatafimi e ha assunto la denominazione attuale soltanto nel 1997, grazie a una legge regionale presentata dall’allora sindaco e presidente dell’Assemblea Regionale siciliana Nicolò Cristaldi, in quanto nel suo territorio è ricompreso il sito archeologico di Segesta.

Il territorio fu toccato prima dal mito, che narra come Eracle, attraversandolo durante una delle sue fatiche, si fosse ristorato presso le Terme Segestane. A questo si aggiunse la storia: il troiano Enea, diretto verso il Lazio, avrebbe fondato qui la città di Acesta.

Foto di Francescodibartolo80 – Opera propria, CC BY-SA 3.0.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati