Ritorna Beer Bubbles Palermo. Dal 6 al 9 giugno lungo via Maqueda, in pieno centro, saranno presenti trenta birrifici di tutta Italia e altri provenienti da tutto il mondo. L’evento si svolgerà nell’area pedonale compresa tra i Quattro Canti e l’Arco di Cutò, ribattezzata ZAF, cioè Zona ad Alta Fermentazione.

Ci saranno oltre 200 birre, 15 realtà gastronomiche, un’area vintage, band e intrattenimento e anche Workshop. L’ingresso a Beer Bubbles è libero. Per degustare le birre è necessario il bicchiere Beer Bubbles, in policarbonato, che si troverà ad ogni stand, al costo di 2 euro.

Oltre ad essere un ricordo del festival, è anche un modo per non inquinare. Il bicchiere ufficiale della manifestazione viene fornito nel rispetto e nella salvaguardia dell’ambiente, con l’obiettivo di stimolare comportamenti orientati all’approccio “usa e riusa”, verso un consumo sostenibile. Ogni stand, infatti, è dotato di uno scquacquabicchiere, per pulire e passare alla birra successiva. Tutte le birre hanno un costo fisso: 0,20 cl a 2 euro; 0,40 cl a 4 euro.

I birrifici di Beer Bubbles Palermo

Ecco l’elenco dei birrifici presenti: Alveria, Ballarak, Bruno Ribadi, Epica, Ingargiola, Malarazza, Vespri, Yblon, Baroni, Kottabos, Rock Brewery, La Casa di Cura, ‘A Magara, Foglie d’Erba, East Side, Jungle Juice, Pontino, Italiano, Lambrate, Manerba, La Fucina, Cane di Guerra, Croce di Malto, Chianti Brew Fighters, Perugia, San Biagio, Brew Dog, Orokei. Spazio anche per i Beer firm e per le birre in lattina .

Per quanto riguarda i punti food, invece, ci saranno: Il Vecchio Carro, Oro dei Nebrodi, Antico Forno Valenti, Carni Requireez e Targia, Ape’nbar, Mignòn, Passami U’ Coppu, Unto, Sikulo, Francesco Lelio, Bracevia, Sciatu Mio, Zighini, Ho Bento, Siam Thai Food e Dainottis.