È scattata la denuncia per il legale rappresentante di un noto ipermercato di Catania, accusato di aver messo in commercio alimenti pericolosi e nocivi per la salute pubblica. I controlli degli agenti sono stati effettuati con la collaborazione del personale dell’Asp di Gravina di Catania – Servizio Igiene e Sanità Pubblica e Veterinaria.

Durante le verifiche sono anche state sequestrate 22 confezioni, tra cozze e mitili in genere, giudicati non idonei al consumo umano. All'interno dell'ipermercato sono state trovate celle frigorifero del laboratorio di pasticceria (che venivano, tra l'altro, utilizzate per conservare promiscuamente materie prime e prodotto finito), che presentavano segni di deterioramento sulle pareti.

Due magazzini sono stati chiusi a causa delle carenze in fatto di condizioni igienico-sanitarie, affinché vengano ripristinate le condizioni ottimali di salubrità.

Come si legge su lasicilia.it:

In tali ambienti, infatti, è stata riscontrata la presenza di alimenti non più commestibili non stoccati a norma, blatte e diversi piccioni, oltre a generali ed evidenti mancanze d’igiene, dovute all’insufficiente pulizia dei luoghi.