È di poche ore fa l'arresto di Gaspare Como, commerciante di Castelvetrano (Tp), pregiudicato per associazione a delinquere ed estorsione, e (soprattutto) cognato del Boss Matteo Messina Denaro.

Stamane la DIA di Trapani ha così fatto scattare le manette per il commerciante, ponendo inoltre sotto sequestro un'azienda di abbigliamento ed un immobile, in contrada Trscina.

L'ipotesi di reato è trasferimento fraudolento di beni. I sudddetti provvedimenti sono stati emessi dal Gip di Marsala, Vito Sladino, dietro richiesta della Procura di Marsala.

 

Già nel 2012 il cognato del Boss Matteo Messina Denaro aveva fatto parlare di sé. La Procura aveva sequestrato altri beni, tra cui immobili ed autoveicoli, per un valore di oltre 200mila euro.

Oggi invece, secondo gli investigatori, Gaspare Como avrebbe acquistato uno stabile per uso abitativo (a Triscina), facendone risultare proprietari “alcuni imprenditori castelvetranesi, anch'essi indagati per eludere la normativa in materia di misura e prevenzione”.