Un classico canto siciliano del Natale.

  • La tradizione musicale siciliana vanta diversi canti dedicate alle festività natalizie.
  • Tra questi, un tempo erano molto diffuse le novene, così come le nenie, una sorta di filastrocche o ninna nanne per i piccini.
  • Scopriamone una che prende il nome dal classico strumento degli zampognari.

Il Natale, così come lo intendiamo oggigiorno, ha indubbiamente perso gran parte dello spirito che aveva in passato. C’è stato un tempo in cui non era importante il numero di regali sotto l’albero. Era un tempo in cui si viveva con poco e di quel poco ci si accontentava. Così, in occasione delle festività, si era felici di ritrovare tradizioni semplici, che sapevano scaldare il cuore. Tra queste tradizioni, c’è quella delle novene e dei canti tradizionali siciliani di Natale. I ciaramiddari, cioè gli zampognari, giravano per le strade, intonando quelle canzoni e contribuendo a diffondere lo spirito delle feste. Ancora oggi, ci sono alcuni paesi in cui si mantiene viva questa emozionante tradizione. Per vivere un po’ di quella tradizione, abbiamo deciso di riportare il testo di una di queste nenie di Natale, intitolata ‘A Ciaramedda: arriva dal Palermitano.

‘A Ciaramedda, canto siciliano

Sona sona ciaramedda, suspirusa ‘nta muntagna
veni a fari a nuvena u pasturi di muntagna,
Binidittu lu pasturi chi va canta a lu Signuri.
 
Ciaramiddaru, ciaramiddaru, fai na’ sunata supra l’artaru
Ca lu Signuri quannu nasciu tutti li casi binidiciu.
 
E falla bedda la ninnaredda, ciaramedda sona accussì.
 
Comu sciuscià a’ tramuntana, cu la nivi e la biancura,
tinci tutta la campagna o che bedda la natura,
porta sempri lu pasturi nni la nivi lu splinnuri.
 
Ciaramiddaru, ciaramiddaru, fai na’ sunata supra l’artaru
Ca lu Signuri quannu nasciu tutti li casi binidiciu.
 
La nuvena quannu è duci, duna paci all’infelici,
si la senti lu Signuri, si l’abbrazza  lu pasturi,
si la senti lu bambinu binidici lu camminu.
 
O ciaramedda sona ca sona, ca l’arma vostra si fa cchiù bona,
mentri ca sona sutta li stiddi, inchi lu cori a li picciriddi.
 
E falla bedda, la ninnaredda, ciaramedda sona accussì

Articoli correlati