Stop all’uso e alla vendita di sacchetti, bicchieri, piatti a posate di plastica. Il sindaco di Capaci, Pietro Puccio, ha messo al bando questi prodotti a partire dal primo febbraio del 2019. La direttiva è stata inserita nell’ordinanza sindacale del 4 dicembre 2018.

Il primo cittadino ha dettato le nuove norme circa il divieto dell’uso e della commercializzazione di sacchetti e stoviglie di plastica, con l’obiettivo di ridurre la quantità di rifiuti e incrementare la percentuale di raccolta differenziata finalizzata al riciclo.

Puccio ha spiegato: “Una scelta amministrativa consapevole che mira a mantenere il nostro Comune all’avanguardia nella gestione responsabile dei rifiuti urbani, in perfetta adesione ai criteri fissati dalle normative nazionali, comunitarie e le ultime ordinanze del presidente della Regione Siciliana”.

Dal primo febbraio del 2019 i negozi, le attività artigianali e di somministrazione alimenti e bevande non potranno distribuire ai clienti sacchetti in materiale non biodegradabile. Ai clienti potranno essere distribuiti esclusivamente posate, piatti, bicchieri di qualsiasi dimensione, cannucce, mescolatori di bevande monouso in materiale biodegradabile e compostabile.

I residenti a Capaci si dovranno dotare di sacchetti monouso per la spesa (in carta o altro materiale biodegradabile e compostabile) o di borse riutilizzabili a rete in stoffa o tessuto. Tutti i visitatori di questo Comune sono obbligati ad utilizzare esclusivamente posate, piatti, bicchieri sacchetti monouso in materiale biodegradabile e compostabile.