I biglietti aerei in Sicilia continuano a essere argomento di acceso dibattito. “Il nostro obiettivo è riuscire a inserire le Tratte sociali nella legge di bilancio. Questa settimana abbiamo incontrato Enac, la settimana prossima vedremo Vueling, per capire perché ha lasciato l’isola, ed anche Alitalia“, ha detto il viceministro alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri. Cancelleri è intervenuto in merito ai rincari dei biglietti mentre si trovava a Palermo, nel corso di una visita negli uffici del Provveditorato delle Opere pubbliche.

“Gli aeroporti di Catania e Palermo non sono interessati nella continuità territoriale? Lo deve chiedere la Regione siciliana. Se lo chiede il Ministero si impegnerà su questo tema – ha spiegato -. Nell’immediato stiamo cercando di mettere in campo la soluzione che ci viene data dalla Commissione europea che è quella della tariffazione sociale e dobbiamo vedere se applicarla solo ad alcuni soggetti che si spostano per motivi particolari o adottarla a tutti i siciliani per condizioni di particolare isolamento. Potremmo fare un fondo nazionale. Martedì avrò un incontro con la ministra De Micheli per concertare le possibilità di intervento“.

Ieri è stata lanciata una petizione online dall’Unione Industriali di Confcommercio Palermo, “contro l’aumento indiscriminato del costo dei biglietti aerei da e per la Sicilia”, di fronte “ai proibitivi prezzi dei biglietti aerei, soprattutto in alcuni particolari periodi dell’anno, che contribuiscono ad aumentare il gap delle imprese isolane nei confronti del mercato globale”. Qui trovate tutti i dettagli.