p { margin-bottom: 0.25cm; line-height: 120%; }a:link { }
E mentre continuano i preparativi per Santa Rosalia, una delle celebrazioni religiose più significative del capoluogo siciliano, per la Cattedrale di Palermo arriva una buona notizia: entro il 15 luglio l'edificio sarà “liberato” dal ponteggio, per così consentire il restauro del porticato. Lo assicura l'architetto Lina Bellanca in persona, in occasione di un'intervista rilasciata al progamma Ditelo di Rgs. Grandi notizie anche per la Chiesa di San Giuseppe ai Teatini.

A tal proposito, ecco le parole dell'architetto:
L’impalcatura, noleggiata grazie ai fondi degli sponsor privati, lascerà il monumento. I ponteggi si trovano in Cattedrale dal 2013. I lavori svolti da noi, sul tetto del porticato, grazie a un finanziamento di 70 mila euro del nostro dipartimento, sono finiti. Adesso sono in corso, a cura della Curia, gli interventi di ripristino degli intonaci del sottoportico. Dopo sarà possibile rimuovere il ponteggio.”

Sin da subito l'utilizzo dei suddetti ponteggi era stato oggetto di polemica e critiche sul web (e non solo), ma forse non tutti sanno che le varie affissioni pubblicitarie adoperate hanno permesso di registrare entrate e mandare avanti i lavori. Solo dopo l'intervento dell'Amministrazione e una lettera in cui venisse chiarita la funzione legittima degli impianti pubblicitari sulla facciata della Cattedrale di Palermo, i toni si sono placati.


Buone nuove anche per la chiesa di San Giuseppe ai Teatini, sita in via Maqueda. Lina Bellanca ha infatti spiegato:
Prima del 15 luglio smonteremo le impalcature dalla chiesa che presentava dei problemi sui cornicioni. Gli interventi in questo caso sono stati finanziati dal Fondo edificio di culto (Fec, ndr), proprietario del bene”.