Chi sono i congiunti? La definizione di congiunto ha suscitato molti dubbi, subito dopo la comunicazione delle principali disposizioni per la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus, attive a partire dal 4 maggio.

“Saranno consentiti – recita il nuovo Dpcm – gli spostamenti all’interno di una stessa regione, oltre che per motivi di lavoro, di salute, necessità, anche per far visita ai congiunti. Gli spostamenti fuori regione saranno consentiti solamente per motivi di lavoro, di salute, di urgenza. Sarà consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”.

Congiunti definizione

I dubbi sul concetto di congiunto nascono anche perché non esiste una definizione dell’espressione “congiunti” nell’ordinamento giuridico italiano, né nel diritto penale né in quello civile.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha precisato che «congiunti è una formula un po’ ampia, generica, per dire che non si potrà – adesso poi lo preciseremo anche con le F.A.Q. – andare a trovare amici a fare feste. Si andranno a trovare le persone con cui c’è un rapporto di parentela, con cui ci sono stabili relazioni affettive e via discorrendo».

Paola De Micheli, ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, ha spiegato che i congiunti «sono persone con le quali si intrattengono rapporti affettivi stabili, anche se non formalizzati sul piano giuridico: quindi penso ai fidanzati, sicuramente sono inclusi in questa dicitura».

“Parenti fino all’ottavo grado, ma anche fidanzati”

Il ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, ha spiegato: «La passeggiata con l’amico no, certamente si può fare attività motoria singolarmente» ma «bisogna mantenere la distanza sociale e i dispositivi di protezione in questa fase in cui si apre un po’. Ci sono ancora 105mila contagiati, dobbiamo evitare di tornare ai dati dell’inizio di marzo».

Tra i “congiunti” ci sono «parenti fino all’ottavo grado e affini, ma anche i fidanzati. Per queste persone sarà consentito ricongiungersi».

«Credo che l’importante sia mantenere il distanziamento, l’uso della mascherina e l’uso dei guanti» queste le parole di Patuanelli, ospite di ‘Quarta Repubblica’ su Rete 4. «Credo siano comportamenti che ormai sono entrati nelle dinamiche sociali, purtroppo. Io sono qui da 60 giorni e non vedo la mia famiglia. Sappiamo bene quali rischi e pericolo abbiamo corso».

Articoli correlati