Come pulire bene lo smartphone?

Questa è sicuramente una domanda che molti di voi si sono fatti in questi giorni. Si sa che lo schermo dello smartphone non è mai troppo pulito e, in tempi di Coronavirus, sicuramente l’attenzione non è mai troppa. Non bisogna comunque allarmarsi, perché gli scienziati hanno ripetuto che il contagio attraverso superfici inerti non è la via principale di trasmissione del virus. Detto questo, rimane comunque certo che pulire il nostro smartphone sia una buona pratica di igiene.

Come si pulisce lo smartphone?

Apple suggerisce di pulire l’iPhone semplicemente con un panno in microfibra, dopo aver spento il dispositivo e aver rimosso tutti i cavi, senza detergenti. Questo può valere tranquillamente per tutti gli smartphone. I detergenti vanno evitati perché potrebbero logorare il rivestimento oleorepellente degli schermi, progettato per mantenerli senza impronte digitali e senza umidità. Esistono anche dei detergenti specifici per gli schermi.

Possiamo, comunque, inumidire il panno con un po’ d’acqua, pulendo la parte anteriore e quella posteriore con movimenti circolari e costanti, sollevando così lo sporco accumulato. Ricordate di rimuovere bene l’eventuale umidità in eccesso, soprattutto vicino i pulsanti e le porte. Il panno non uccide i batteri, ma li allontana dal dispositivo.

Qualora lo sporco fosse un po’ più ostinato, potete rinforzare la pulizia con le salviette per i neonati o con un po’ di sapone per le mani. Usate i detergenti con cautela, evitando i prodotti chimici aggressivi: solo così sarete certi di non danneggiare il vostro smartphone. Per i fori e le giunture, potete affidarvi ai cotton fioc e a un pennellino a setole morbide.

Articoli correlati