Su disposizione della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Trapani, la questura ha eseguito un decreto di confisca patrimoniale nei confronti dell’imprenditore Michele Mazzara, 55enne di Paceco, piccolo Comune del Trapanese. Il valore dei beni confiscati è di circa 26 milioni di euro.

Condannato per favoreggiamento del superlatitante Matteo Messina Denaro, Michele Mazzara in pochi anni è diventato un ricco imprenditore del settore agricolo, edile e alberghiero, da semplice coltivatore qual era. A San Vito Lo Capo l'uomo gestiva l'albergo Panoramic.