La dieta mediterranea non è un semplice regime alimentare, ma un vero e proprio stile di vita. Nel 2012 è stata proclamata Patrimonio immateriale dell’umanità, per le sue caratteristiche. Apporta molti benefici alla salute poiché è sana ed equilibrata. Include davvero tanti tipi di alimenti ed è a ridotto impatto ambientale.

Da generazioni si tramanda nelle aree che si affacciano sul Mediterraneo e non è difficile intuire perché sia particolarmente cara ai siciliani. Vediamo insieme quali sono i benefici della dieta mediterranea.

  • Protegge dallo stress ossidativo e riduce la possibilità di sviluppare malattie renali croniche.
  • Aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari, proteggendo da ictus e infarti.
  • Migliora la memoria e aiuta a prevenire malattie come l’Alzheimer: l’olio extravergine d’oliva migliora la memoria a breve termine.
  • Aiuta a prevenire il diabete.
  • Migliora la memoria e aiuta a prevenire malattie come l’Alzheimer: l’olio extravergine d’oliva migliora la memoria a breve termine.
  • Protegge dallo stress ossidativo e riduce la possibilità di sviluppare malattie renali croniche.
  • Aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari, proteggendo da ictus e infarti.
  • Aiuta a prevenire il diabete.

Al di là dei benefici legati agli alimenti, ce ne sono altri sociali:

  • La Dieta Mediterranea promuove la consapevolezza alimentare e il legame con il proprio territorio, oltre che le relazioni sociali e la convivialità.

Dieta Mediterranea, cosa mangiare

L’alimento principe della dieta mediterranea è l’olio d’oliva. I polifenoli svolgono un’azione antiossidante e l’olio funge da antinfiammatorio. Frutta e verdura hanno un ruolo fondamentale, perché garantiscono il giusto apporto di sali minerali e vitamine, riducendo l’apporto calorico. Ancora, non bisogna dimenticare la frutta secca, soprattutto noci e mandorle, né i cereali, primo tra tutti il grano duro.

La pasta fornisce un importante apporto di carboidrati sotto forma di amido, se integrali fornisce anche più fibre e sali minerali. Anche il vino rosso è consigliato, ovviamente con moderazione, perché contiene polifenoli, che riducono il rischio cardiovascolare.