Una parte di una palazzina è crollata la notte scorsa a Catania, nella zona tra via Castromarino e via del Plebiscito. Gli abitanti del quartiere hanno sentito uno scricchiolio, qualche rumore sospetto e poi il forte boato. Sul posto erano già presenti i vigili del fuoco, che erano stati allertati da un residente.

Un appartamento è andato distrutto: secondo quanto riferito dal proprietario alla polizia, non era abitato da circa un anno. Per precauzione, i pompieri hanno fatto evacuare sette nuclei familiari. Sono in corso i controlli tra le macerie, con l’ausilio dei cani, al fine di ricercare eventuali dispersi.

Stando a quanto riferito da fonti investigative presenti sul posto, non ci sarebbero né vittime né feriti a causa del crollo. Tra le macerie stanno ancora lavorando le squadre dei vigili del fuoco, con operatori del nucleo Cinofili e dell’Urban search and rescue (ricerca e soccorso urbano) di Catania e Palermo.

Quest’ultimo, sottolineano gli stessi pompieri, è un intervento da protocollo perché sebbene non ci siano segnalazioni di dispersi si effettuano lo stesso le ricerche.

Quanto avvenuto a Catania la scorsa notte ha fatto pensare a una drammatica e analoga vicenda, avvenuta tre anni fa in via Crispi: il crollo di una palazzina, causato da un’esplosione, causò una vittima.

Foto pagina Twitter Vigili del Fuoco

Articoli correlati