Decathlon a Palermo non aprirà. Secondo quanto si apprende, infatti, il Comune ha detto no al megastore di articoli sportivi. Lo Sportello unico ha negato il permesso per realizzare un punto vendita nell’ex stabilimento Coca Cola.

Della vicenda si discute da tempo. Un anno fa Decathlon aveva evidenziato i tempi lunghi della burocrazia: ““Ci sembra incredibile che di fronte alla proposta che abbiamo avanzato al Comune, quella di un investimento di 20 milioni di euro, l’amministrazione non ci abbia degnato ancora di una risposta”. Adesso la risposta è arrivata ed è negativa.

Nel 2013 l’area ex Coca Cola, a Partanna Mondello, era finita sotto sequestro nell’ambito di una indagine per presunte irregolarità edilizie. Il progetto di allora prevedeva che lo stabilimento diventasse un cinema multisala.

Per realizzare Decathlon a Palermo, sarebbe stato messo in campo un investimento importante – oltre 20 milioni. Sarebbero stati creati un centinaio di posti di lavoro. Nulla di fatto, però.

Ecco la replica del Comune di Palermo:

Con riferimento al rigetto di una istanza presentata al SUAP da una società per azioni locale, asseritamente destinata ad un punto vendita del noto brand “Decathlon” nella zona di Partanna, gli uffici hanno comunicato che la stessa istanza è stata rigettata in quanto la destinazione urbanistica dell’area, classificata come D1, la rende incompatibile con attività che non siano esclusivamente “industriali, artigianali e simili”.

Tale interpretazione degli uffici del SUAP è stata suffragata anche da un parere reso dall’Avvocatura comunale.

“Nessuna valutazione di tipo politico o di altra natura – spiega l’Assessore Piampiano – può e deve interferire con una valutazione tecnica e di legittimità formale che compete unicamente agli uffici, che hanno correttamente sottoposto questa pratica ad un’analisi approfondita e circostanziata.”

“Siamo ovviamente contenti del fatto che nel tempo Palermo abbia riconquistato un interesse per gli investimenti e per i grandi brand, come testimoniato dall’avvio di tante attività commerciali in questi anni – afferma il Sindaco Leoluca Orlando – ma soprattutto e ancor di più in un momento come questo in cui il rispetto di regole è un imperativo, nessuna attività economica, piccola o grande, tradizionale o innovativa può essere al di sopra della normativa.

L’Amministrazione comunale è sempre aperta al dialogo con quanti vogliano investire in città e creare nuove opportunità di sviluppo, purché ciò avvenga in quadro certo di attenzione per la normativa urbanistica e per la pianificazione della città.”

Articoli correlati