Gli eventi organizzati da Dolce e Gabbana tra Siracusa e Marzamemi sono stati anche occasione per rinforzare il legame con l’azienda vinicola siciliana Donnafugata. Si rinnova il connubio tra due eccellenze: una nel campo della moda, l’altra nel campo del vino.

Vino, Dolce e Gabbana rinnovano il legame con Donnafugata

La Sicilia è da sempre fonte di ispirazione per Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Per celebrare 10 anni della loro Alta Moda, i due stilisti hanno organizzato diversi eventi tra Siracusa e Marzamemi, valorizzando ancora di più alcuni luoghi della Sicilia di indiscussa bellezza.

Una celebrazione della Trinacria che è passata anche dai sapori di una Sicilia autentica e ricercata. Gli appuntamenti sono diventati anche occasione per rinnovare il legame con Donnafugata, che già in passato aveva collaborato con la maison per la realizzazione di alcune etichette speciali.

Da tutto il mondo sono arrivati ospiti e celebrità di fama internazionale, da Mariah Carey a Sharon Stone. Le star di Hollywood hanno goduto della bellezza dei luoghi e delle creazioni da sogno. Scenari e atmosfere tipicamente siciliani hanno accolto tutti gli invitati e le proposte gastronomiche sono state abbinate al rosato Rosa, ai vini vulcanici prodotti sull’Etna, al bianco Isolano, allo storico rosso Tancredi, al bianco Lighea e al rosso Cuorilava.

Etichette Donnafugata che, a partire dai nomi, rinforzano il legame con la Sicilia e confermano l’ispirazione che questa terra ha saputo dare – e continua a dare – a Dolce e Gabbana. “Siamo stati felici – hanno affermato José e Antonio Rallo di Donnafugata – di aver presentato in questi straordinari eventi, i vini della collaborazione con Dolce & Gabbana che sono il frutto di quella creatività e artigianalità che ci unisce profondamente e che porta l’eccellenza e la cultura siciliana nel mondo”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati