Tragedia a Trento: due bambini piccoli sono stati trovati morti in un appartamento all'ultimo piano di un moderno edificio residenziale nel ricco quartiere Albere. È stata la madre dei bimbi, di 4 e 2 anni e mezzo, a trovare i corpi dei figli e a lanciare l'allarme. Salva la sorellina, che al momento della tragedia non era in casa perché stava partecipando a una gita scolastica.

Per ore, anche con l'aiuto di un elicottero, si è cercato il padre, ritrovato poi cadavere ai piedi di una scarpata. L'ipotesi più plausibile è che l'uomo, in un momento di follia, abbia ucciso i bambini e poi si sia suicidato gettandosi da una terrazza panoramica, a Sardagna, appena fuori città. La sua auto era stata ritrovata parcheggiata nei pressi di una terrazza panoramica. Avrebbe scavalcato la ringhiera e si sarebbe buttato di sotto.

La polizia da ore sta ascoltando la testimonianza della donna. La madre avrebbe riferito che questa mattina la coppia avrebbe dovuto firmare il rogito per l'acquisto di un appartamento. Lei a un certo punto sarebbe uscita e avrebbe lasciato il marito a casa con due dei tre figli. Quando è rientrata, ha scoperto che i bimbi erano stati uccisi e del marito nessuna traccia. Subito i sospetti si sono concentrati sull'uomo, che si sarebbe avventato sui bimbi con un martello. Alla base della follia dell'uomo potrebbero esserci stati problemi economici legati all'acquisto dell'appartamento.