01Quando il politico dice di non preoccuparsi, il siciliano come minimo trema di paura.

Tutti noi, infatti, sappiamo come finisce ogni singola volta al Signor Tranquillo.
Per questo, anche se sui media non si smette di rassicurare i siciliani sul fatto che non corrano alcun rischio Ebola, non possiamo fare a meno di stare in pensiero.


L'ultima rassicurazione, in ordine cronologico, ci arriva da Palazzo d'Orleans attraverso la conferenza stampa convocata dal presidente della Regione, Rosario Crocetta e dall’assessore alla Salute, Lucia Borsellino.

Nella summenzionata sede i rappresentanti siciliani hanno dissipate le ombre sul presunto caso del turista svizzero ricoverato ieri sera in gravi condizioni all’ospedale “Buccheri La Ferla” di Palermo.

Le parole dell'assessore Borsellino sono state queste: «Confermo che il turista svizzero ricoverato all’ospedale Buccheri La Ferla di Palermo non è affetto da Ebola. Ma è stato accertato che si tratta di malaria. Il bollettino medico di questa mattina è chiaro, il turista non ha l’Ebola. Le sue condizioni sono buone. È anche sfebbrato».

 

Pure il presidente della Regione, Rosario Crocetta, ha speso due parole sul tema: «Chiunque ha un banale raffreddore pensa di avere l’Ebola. C’è ormai una psicosi da Ebola. Abbiamo pensato di fare una sorta di pubblicità progresso una campagna pubblicitaria per le precauzioni sanitarie. Ho visto un allarme eccessivo, un vero e proprio panico. Sarebbe meglio che le persone si vaccinassero contro l’influenza così non pensano al virus in caso di influenza».

 

Che ne pensi, caro amico?

Bisogna stare tranquilli? Bisogna fasciarsi la testa prima di farsi del male? O bisogna soltanto tenere alta la guardia?

 

Autore | Viola Dante » seguimi su facebook ♥